Se gradiste questo libro dei bambini pronto a stampare in un ocument di parola - scattisi qui.
LIBRO DA COLORARE
ALLO ZOO CON SAM E LUCCA 

da Asbjorn Lonvig, artista

Tradotto vicino Francesca Fancini
, Milano
 
Lucca ha tre anni e Sam ha sei anni.
Lucca va alla scuola materna di Middelmark.
Sam va in prima elementare alla scuola di Middelmark.
Lucca e Sam sono vicini di casa.
Abitano in Via Middelmark.
Lucca abita al numero 584 e Sam abita al numero 566.
A volte Lucca chiama Sam sessantasei.
Allora Sam ride e chiama Lucca ottantaquattro.

 
 
 
Ecco qui Lucca e Sam.
Pronti per andare allo zoo.
Il sole splende e Lucca ha indossato un bel vestito estivo.
Sam ha una maglietta bianca senza maniche e i pantaloni corti rossi a strisce bianche.
Lucca pensa che Sam sia forte.
Sam pensa che Lucca sia molto carina.

 
 
Il padre di Sam è maestro alla scuola di Middelmark.
Ha preso un giorno di ferie per andare con Sam e Lucca.
Il padre di Sam si chiama Samuel S. Samuelson,
ma a scuola lo chiamano solo Samuel IQ.
Lo chiamano così perché sa tutto.
Il papà di Samuel sa rispondere a qualsiasi domanda.
Il papà di Sam ha preso un cestino,
con qualcosa da mangiare e da bere.
E nel cestino naturalmente aveva messo anche un libro,
cioè, a dire il vero ne aveva due.
Il primo era un libro sugli animali.
Il secondo libro era del famoso scrittore americano
Ernest Hemingway.
Il libro si intitola “Per chi suona la campana”.

 
 
 
Non appena arrivarono allo zoo, videro un fenicottero.
Quando il fenicottero si riposa, sta su una sola zampa.
Quante uova depone il fenicottero?
Chiese Sam.
Un uovo, rispose suo padre.
A volte due uova.
Una volta su 300 il fenicottero depone due uova.
Come sempre il papà di Sam conosceva la risposta.
Perché hanno l’aria così arrabbiata?
Chiese Sam.
Non è arrabbiato, il becco ha quella forma perché il fenicottero per mangiare filtra l’acqua con la parte superiore del becco in acqua.
Rispose il papà di Sam.
Sam non capì proprio tutto,
ma era contento che il fenicottero non fosse arrabbiato.

 
 
 
      
 
Orrrhhhhyjj...! gridò Lucca indicando i pappagalli.
Che belli quei pappagalli.
Sì, rispose Samuel IQ,
i pappagalli vivono in ambienti molto colorati.
E’ per questo che i pappagalli sono così colorati.

 

E’ facile capire che fenicotteri e pappagalli sono uccelli che volano.
Ma un pinguino non può volare.
La maggior parte dei pinguini vive al Polo Sud, alcuni in Australia e in America del Sud.
Il papà di Lucca ha visto molti pinguini nell’Australia del Sud in un’isola che si chiama Isola di Philip.
Non so bene se ce ne sono alcuni anche in Sudafrica.
Guardo nel mio libro. Disse il papà di Sam.
   
 

Il papà di Sam, Samuel S. Samuelson, Samuel IQ, Lucca e Sam si divertivano molto.

 


Adesso hanno trovato il cavallo della prigione.
Lo zio di Lucca lo chiama il cavallo della prigione.
Ma naturalmente è una zebra.
Fa un po’ fatica a guardare sopra il recinto, per questo sta sulle zampe posteriori.
 
 
 
Le due giraffe si chiamano Soren il lungo e Soren il quasi lungo.
Soren il lungo è blu con macchie gialle.
Soren il quasi lungo è giallo e ha macchie blu.

 
 
 
 
Bernardo è una scimmia.
Ama arrampicarsi sugli alberi e ama mangiare banane.
Ha sempre un cappellino blu in testa, con un bottone giallo.

 
 
 
 
Così si vede sempre chi è Bernardo.
 
 

In una gabbia con le sbarre ci sono i leoni

 
 
E le tigri.
Il leone ha una grossa criniera.
Le tigri hanno le strisce.
Non esistono due tigri con lo stesso disegno di strisce.
 
Ora sono stanca,
disse Lucca.
E tornarono a casa in Via Middelmark
Lucca pensò a quanto era fortunata ad avere due amici così bravi come Sam e il papà di Sam.

 
Quando Lucca vide il suo papà e la sua mamma,
raccontò
e raccontò, e raccontò, e raccontò, e raccontò
e raccontò, e raccontò, e raccontò, e raccontò
e raccontò, e raccontò, e raccontò, e raccontò
e raccontò, e raccontò, e raccontò, e raccontò
e raccontò, e raccontò, e raccontò, e raccontò
e raccontò, e raccontò, e raccontò, e raccontò
e raccontò, e raccontò, e raccontò, e raccontò
e raccontò, e raccontò, e raccontò, e raccontò
e raccontò, e raccontò, e raccontò, e raccontò
e raccontò, e raccontò, e raccontò, e raccontò
e raccontò la sua bellissima giornata.